Presentazione del libro

"I campi di Schwaz 1944-1988. Campo di lavoro forzato nazista-Campo di denazificazione-Campo profughi di St. Margarethen-Armenlager Märzensiedlung".

Nel 1944, i nazionalsocialisti costruirono una fabbrica a due chilometri dalla miniera della cittĂ  di Schwaz. In questa Messerschmitthalle i lavoratori forzati stranieri producevano parti del caccia Me 262.

Il governo militare francese imprigionò gli ex nazisti in uno dei campi di lavoro forzato di Schwaz. Il campo fu chiamato “Oradour”, dal nome del luogo in cui le SS avevano ucciso centinaia di persone.

Nel 1948 il campo fu popolato da sfollati e rifugiati e, dall’autunno del 1954, da emarginati, senzatetto e poveri. Oradour” è diventato St. Margarethen, il campo profughi è diventato Märzensiedlung: un pugno nell’occhio alle porte della cittĂ  culturale di Schwaz. Nel 1988, il comune lo ha rimosso, 44 anni dopo la prima occupazione del campo durante l’era nazista.

I campi non sono più in piedi, i ricordi svaniscono, le storie vacillano, ciò che rimane sono voci. Il libro di Horst Schreiber rafforza la memoria e incoraggia le persone a parlare. Non solo sul periodo nazista.

Programma:

Roland Sila, discorso di benvenuto
Horst Schreiber, presentazione del libro

Accompagnamento musicale:
KATHMAN DUO, Folk from North to East:
Stefan Manges: fisarmonica, voce / Katharina Schwärzer, violino, voce.

Nell’ambito di“Memorie di memorie“.

Testo tradotto con DeepL

Einwilligung

Durch das „Akzeptieren“ willige ich ausdrücklich in die Drittlandübermittlung meiner technischen Informationen (insb. IP-Adresse) ein, damit der Inhalt dargestellt werden kann. Ich nehme zur Kenntnis, dass in den USA kein ausreichendes Datenschutzniveau vorliegt und das Risiko besteht, dass unter anderem US-Behörden auf meine Daten zugreifen könnten und dagegen kein ausreichender Rechtschutz besteht. Nähere Informationen und die Möglichkeit zum Widerruf meiner Einwilligung finde ich in der Datenschutzerklärung.